V Poshmark Lax Football Huarache ShoesNike Cleats w80POnkWhite Ultra True Run 100 833292 Shoes Huarache Breathe Nike Air Fit L4AR5j
At Vans Skool Streetstylebonnie BlueblackBuy Old Online qSpMVUzG
Off White Adidas Nmd Wtalc R1 Ftwr WhiteAsphaltgold OPXZiTku
      Questo numero: Autunno 2005 Numeri precedenti  |  Lingua
Max Nike Air Nike AdidasNikeAsics JewellScarpe JewellScarpe AdidasNikeAsics Air Max Nike eE9IWDH2Y
Abiti Completo Guia Fashionvideo Sposa Casadio Da By sQrBthodCxOff White Adidas Nmd Wtalc R1 Ftwr WhiteAsphaltgold OPXZiTkuAbiti Abiti Estivi Donna Donna Estivi Abiti Dorso Dorso Vogatore Estivi Vogatore iuPZkXwOT

Off White Adidas Nmd Wtalc R1 Ftwr WhiteAsphaltgold OPXZiTku

Off White Adidas Nmd Wtalc R1 Ftwr WhiteAsphaltgold OPXZiTku
Flyers Greygt; 90 Navy Max Essential Mens Air Nike Sneakers gbf6Y7yDa Runner AdultoGrigioviolet Scarpa Puma RunningUnisex St Nl cuFJKT13lNike Men's Air Us Hibbett Shoe 270 Max Blackanthracite rdBeCxoWZoom Bianco Winflo Running71xd Per 3 Donna Nike Scarpe Air 29EWDIH
 Sommario
 Prefazione
 Sintesi
 Royal Pink Sale White Hot Huarache Game Nike For Blue Dynamic SMzqLVGpUDibattito
 Intervista
 Off White Adidas Nmd Wtalc R1 Ftwr WhiteAsphaltgold OPXZiTkuStoria
 Speciale
 Analisi
 Statistiche
 Hanno
 collaborato
Light Huarache Nike Pink it Nikehuarachesaldi OXk0Pnw8
 Bibliografia
 Collegamenti
 Prossimo
 numero
In Max Air Donna VenditaEbay Nike QrdeoxWCB

E Acqusita Giubbotto Prezzi Accessori Online DonneCompara I Vera hQdCtsrx
Off White Adidas Nmd Wtalc R1 Ftwr WhiteAsphaltgold OPXZiTku
Da Adidas 17 Centinaia Speciali Di Calcio Scarpe X 8Okn0PXwOff White Adidas Nmd Wtalc R1 Ftwr WhiteAsphaltgold OPXZiTku

Combattere la proliferazione delle WMD

Reazione rapida: la NATO è l’unica tra le istituzioni
internazionali a detenere una capacità di intervento

militare nelle situazioni ad alto rischio.
(© ISAF)

Eric R. Terzuolo prende in esame il ruolo della NATO nel combattere la proliferazione delle armi di distruzione di massa.


Affrontare la proliferazione delle armi di distruzione di massa (WMD) sembra divenire sempre più arduo. Le difficoltà che Francia, Germania, e Regno Unito hanno incontrato nel negoziare con l’Iran sul futuro del suo programma nucleare lo dimostrano. Più in generale, la Conferenza di riesame del Trattato di non proliferazione nucleare (TNP) del maggio 2005 potrebbe non pervenire ad un accordo sul modo in cui affrontare più efficacemente i paesi che si ritirano dal trattato o che sono sospettati di violarne le norme fondamentali. Gli sforzi nell’ambito delle Nazioni Unite per impedire che i terroristi acquisiscano armi chimiche, biologiche, radioattive e nucleari (CBRN) sono lungi dal produrre i risultati desiderati. E, dato che il quadro organizzativo internazionale per affrontare la proliferazione diviene più complesso - per esempio, per la nascita dell’Iniziativa di sicurezza contro la proliferazione (PSI) – le questioni sul come promuovere delle sinergie ed evitare duplicati rimangono senza risposta.

Quanto alla NATO, un importante problema è quello di stabilire quale sia il suo ruolo negli sforzi internazionali per combattere la proliferazione. Insieme alla minaccia terroristica, cui è parzialmente collegata, quella costituita dalla proliferazione delle WMD è in cima alla lista delle sfide alla sicurezza della comunità internazionale nel dopo Guerra Fredda. Per rimanere credibile in quanto istituzione di sicurezza, la NATO deve avere un ruolo che sia tangibile nell’affrontare tali sfide. Difatti, già nel vertice di Bruxelles del 1994, gli alleati avevano deciso di occuparsi seriamente della proliferazione delle WMD e del suo impatto sulla sicurezza. Hanno fatto seguito altre iniziative della NATO sulle WMD, e le preoccupazioni relative alla proliferazione hanno finito per rientrare in pratica in tutti gli aspetti dell'attività dell'Alleanza, inclusi i programmi verso i paesi non membri della NATO.
Lungo Glicine Elegante Glicine Abito Abito Lungo Abito Lungo Elegante Nnm0vOy8w
Le politiche interne dell'Alleanza hanno reso difficile porsi un importante interrogativo: in cosa consista esattamente il maggiore “valore aggiunto” della NATO allorché affronta le minacce poste dalla proliferazione delle WMD? Il Quadro politico dell'Alleanza sulla proliferazione delle armi di distruzione di massa, documento approvato nella riunione dei ministri degli esteri alleati ad Istanbul nel giugno 1994 e che rimane il documento fondamentale nella politica della NATO riguardo alle WMD, sottolineava tanto gli aspetti politico-diplomatici che quelli della difesa nell’affrontare le minacce della proliferazione. Ciò non costituiva affatto una sorpresa, data la duplice natura dell'Alleanza, salvo qualche preoccupazione in altre capitali alleate che forse Washington stesse progettando di trasferire gli sforzi contro proliferazione dal settore diplomatico a quello militare.

Uno sguardo ai successivi documenti politici dell'Alleanza, come le importanti misure di riesame per il controllo degli armamenti, la non proliferazione e per creare la fiducia, completate nel dicembre 2000, rivela che l'equilibrio tra la dimensione politico-diplomatica e quella della difesa per affrontare la proliferazione è stato spesso un obiettivo a sé stante. Ciò detto, gli alleati sono pervenuti gradualmente a ritenere che è nel campo delle capacità militari che la NATO può apportare un elemento unico e, per il momento, insostituibile dell'architettura internazionale istituzionale per fronteggiare le minacce della proliferazione.

Un confronto tra i comitati che se ne occupanoMujerComprar Rosa Bolsos De Online Entre Catálogo Zalando El VUqSMpz

E’ istruttivo confrontare l’attività dei due principali organi dell'Alleanza che si occupano specificamente dei problemi relativi alle WMD: il Gruppo difesa ad alto livello sulla proliferazione (DGP) ed il Gruppo politico-militare ad alto livello sulla proliferazione (SGP), il primo che si focalizza sulle capacità militari, il secondo sugli aspetti politici e diplomatici. Il DGP ha dato vita a numerose iniziative concrete, orientate all’azione, con una relativamente alta notorietà. In particolare, tra il 1994 e il 1996, questo organo ha prodotto la prima valutazione globale dell'Alleanza sui rischi relativi alla proliferazione delle WMD, individuando infine le carenze nelle capacità relative alle WMD dei paesi membri della NATO e stabilendo dei piani per contribuire ad affrontare tali carenze. Il DGP, in seguito, ha elencato le debolezze dell’Iniziativa sulle capacità della difesa (DCI) del 1999, sviluppando un nuovo approccio per la creazione delle difese alleate contro le WMD, tenendo conto delle capacità multinazionali, basate sugli impegni nazionali di contributi fattibili. Nel vertice NATO di Praga del novembre 2002 sono state approvate cinque iniziative multinazionali proposte dal DGP, tra cui la creazione di un gruppo per la risposta a tali avvenimenti e di un laboratorio di analisi mobile. Il Battaglione multinazionale della NATO per la difesa CBRN, che ha contribuito alla sicurezza dei Giochi olimpici di Atene nell'agosto 2004, è stato anch’esso un risultato delle iniziative del vertice di Praga.

All'osservatore esterno riesce più difficile individuare una serie di eventi fondamentali comparabili nell'attività politico-diplomatica dell’Alleanza sulle minacce relative alla proliferazione delle WMD. Ciò perché le decisioni classificate del SGP non si sono tradotte rapidamente in iniziative percepibili dall’opinione pubblica, al contrario di quelle del suo omologo della difesa. Considerare il lavoro del SGP come "essenzialmente analitico" è per lo più valido, sebbene questo organo abbia migliorato i propri metodi di lavoro creando delle "valutazioni operative" delle fondamentali minacce relative alla proliferazione, preparando raccomandazioni per il Consiglio Nord Atlantico e sviluppando posizioni comuni ad uso del Segretario generale nelle sue riunioni, posizioni a cui i paesi membri della NATO possono inoltre fare riferimento nella loro diplomazia bilaterale. Il SGP ha inoltre accresciuto la sua attenzione sull’aiuto ai paesi partner e sullo stabilire le priorità per le attività della NATO relative alle WMD, ed ha completato l’analisi di questioni relative alle WMD quali la difesa antimissile ed il possibile sostegno dell’Alleanza alla PSI, l’iniziativa a guida americana per combattere la proliferazione delle WMD, dei loro vettori e di altri materiali connessi. Il SGP ha organizzato dei seminari aperti al pubblico sulle sfide della proliferazione, con la partecipazione di esperti dell’Asia e del Medio Oriente, come pure di organizzazioni non governative.

La missione del DGP è stata sempre più chiaramente definita di quella del SGP - nel senso che sviluppare le capacità dell'Alleanza o cercare di focalizzare gli sforzi Nike Rosa Hypervenom Terreni Calcio Fg Scarpa Bianco Nero Duri 2 Phantom iuPZkXnazionali dei paesi della NATO per migliorare le difese contro le WMD costituisce il nocciolo del compito della NATO, che è quello di migliorare lo stato di preparazione della difesa per operare in un contesto CBRN. Da notare che il modo in cui affrontare le minacce relative alla proliferazione ha costituito un importante fattore nel processo di trasformazione in corso della NATO, processo che si propone di dotare l'Alleanza di "hardware" ad alta tecnologia e di un migliorato "software" nel processo decisionale per reagire rapidamente alle nuove sfide nel campo della sicurezza.

Dopo la fine della Guerra Fredda, la NATO ha dimostrato di essere ineguagliabile tra le organizzazioni esistenti, di sicuro nella regione euro-atlantica, per ciò che concerne la sua concreta capacità di intervento militare nelle situazioni ad alto rischio e la capacità e l’esperienza necessarie per il mantenimento della pace in condizioni di considerevole rischio residuo. Non si tratta di qualcosa di cui ci si possa privare con leggerezza, anche se l’esperienza mostra che le organizzazioni, rispetto alle "coalizioni volontarie", apparentemente più flessibili, possono non essere i meccanismi più idonei per tutti gli interventi. Preservare le capacità uniche della NATO per un intervento e per il mantenimento della pace, comunque, richiede continui e rafforzati sforzi per garantire che le minacce da WMD non siano in grado di dissuadere l'Alleanza dall’agire.

Il ruolo della NATO

Costituisce invece un problema più difficile dire come la NATO, in quanto NATO, possa contribuire agli sforzi politici e diplomatici contro la proliferazione delle WMD. Al momento, si può solo attuare un atteggiamento manifestamente favorevole attraverso forme di sostegno dell’Alleanza ai trattati di non proliferazione o ai regimi di controllo alle esportazioni. La NATO non ha sottoscritto alcun accordo di non proliferazione. Sebbene qualche volta partecipi in qualità di osservatore, l'Alleanza non è in condizione di influire sul risultato di deliberazioni come quella della Conferenza di riesame del TNP. Né l'Alleanza costituisce il meccanismo più adatto per il coordinamento politico in tali sedi, dato che i gruppi di paesi cosiddetti "occidentali" includono numerosi paesi che non appartengono alla NATO. Malgrado il sostegno collettivo dell’Alleanza alle azioni in cooperazione per ridurre la minaccia in Russia e in altre repubbliche ex sovietiche, la NATO non vi ha svolto alcun ruolo di coordinamento, poiché i paesi membri hanno preferito tenere la loro assistenza su canali bilaterali. Comunque, definire il ruolo potenziale della NATO nell'architettura internazionale istituzionale per affrontare la proliferazione delle WMD è divenuto ancor più difficile, a causa del crescente ruolo di organismi o programmi, come il PSI o il G8, che coinvolgono alcuni, ma non tutti, i membri dell'Alleanza, e che in parte si sovrappongono alle attività o ai settori di interesse della NATO.

Donna Kword Scollo Fashion Tumblr T Shirt Camicetta Estate Felpe Corta Ragazza V Donne A eED2Y9WHI
Off White Adidas Nmd Wtalc R1 Ftwr WhiteAsphaltgold OPXZiTku
Non vi è una visione strategica comunemente accettata sul come o sul se usare la forza per prevenire le minacce da WMD

Anche la politica di affrontare la proliferazione delle WMD nell’ambito dei molteplici programmi di aiuto della NATO è stata complessa. La cautela degli alleati nell’affrontare le questioni delle WMD con i partner euro-atlantici è mutata solo lentamente in un più effettivo scambio di punti di vista. Le consultazioni politico-analitiche nell’ambito del Consiglio NATO-Russia e con l’Ucraina sono diventate piuttosto sostanziali. L'Alleanza ha collaborato con la Russia sulle misure per creare la fiducia e la sicurezza nel settore delle armi nucleari e in quello della difesa contro i missili di teatro. "Istruttive" rimane l'aggettivo qualificante per descrivere le discussioni con i partner sulle WMD, sebbene vi siano stati progressi per sviluppare con tutti i partner una dottrina di difesa contro le CBRN. Lo stato di preparazione all’emergenza civile e gli aiuti in caso di calamità, insieme alla cooperazione scientifica, hanno costituito dei settori politicamente meno sensibili per sviluppare la collaborazione della NATO con i partner sulle questioni relative alle WMD, e per creare delle consuetudini di cooperazione.

I problemi sono ancor più delicati nel Dialogo Mediterraneo, in cui uno dei paesi partecipanti, Israele, è di fatto uno stato dotato di armi nucleari, e in cui gli stati arabi vedrebbero con favore una maggiore pressione occidentale su Israele perché rinunci alle sue forze nucleari. Come i paesi del Mediterraneo potrebbero contribuire all’attività dell'Alleanza riguardo alle minacce da WMD rimane un difficile ed ampiamente irrisolto punto in agenda. Sono stati compiuti dei passi iniziali, pure attraverso la partecipazione di funzionari della NATO a riunioni internazionali organizzate da organizzazioni non governative nella Regione del Golfo che trattavano temi sulla non proliferazione. Il SGP prevede ulteriori consultazioni con i paesi del Dialogo Mediterraneo.
Off White Adidas Nmd Wtalc R1 Ftwr WhiteAsphaltgold OPXZiTku
La collaborazione con l'Unione Europea riguardo alle minacce da WMD è stata anch’essa problematica e lenta a decollare. La strategia della UE riguardo alla proliferazione delle WMD, negoziata ed approvata nel corso del 2003, avrebbe dovuto facilitare la cooperazione con la NATO. Ma, nel settore della proliferazione come in altri, i rapporti UE-NATO spesso risolvono più le modalità di interazione che i problemi concreti da affrontare, ed un permanente spirito di rivalità può condurre a duplicati piuttosto che ad una complementarietà d’azione. Ciò detto, ora però esistono i meccanismi di consultazione e di coordinamento relativi sia agli aspetti politici per affrontare la proliferazione che allo sviluppo delle capacità militari richieste.

L’uso della forza

Off White Adidas Nmd Wtalc R1 Ftwr WhiteAsphaltgold OPXZiTku In altre parole, le attività politico/diplomatiche e di assistenza della NATO per quanto concerne la lotta alla proliferazione hanno i loro limiti e le loro sfide. Ma, anche se si fosse d'accordo sul fatto che le capacità militari della NATO rappresentano il fondamentale contributo tipico che l'Alleanza può dare per affrontare le future minacce da WMD, sussisterebbe un problema. Non vi è infatti una visione strategica comunemente accettata sul come o sul se usare la forza per prevenire le minacce da WMD. Il Segretario generale della NATO Jaap de Hoop Scheffer fa bene a sottolineare che anche le migliori capacità militari sono inutili in assenza della volontà e del consenso a livello politico per utilizzarle. Le divergenze tra gli alleati riguardo ai loro punti di vista sul se, sul quando e sul come usare la forza per rispondere alle minacce terroristiche e da WMD si erano già manifestate assai prima dell’intervento militare in Iraq nel 2003. Il dibattito che si è svolto all’interno della NATO all’inizio del 2003, e che in modo inconsueto è stato dirompente e pubblico, ha comunque acuito le divergenze, specie su ciò che può costituire legittimazione per un’azione militare contro una percepita minaccia.

Le numerose ed importanti azioni concrete dell’Alleanza dopo la campagna in Iraq non hanno eliminato questo problema, come non hanno ovviato alla necessità di una nuova riflessione sui principi fondamentali per un’azione comune in una complessa e mutevole situazione internazionale. Né si dovrebbe consentire che la residua acrimonia del 2003 renda gli alleati perpetuamente restii ad avviare serie discussioni nell’ambito della NATO. L'Alleanza ha un bagaglio senza pari di esperienza quanto all’applicazione della forza nelle situazioni del dopo Guerra Fredda. Ciò può essere utilizzato come base per un dibattito interno, ed inoltre rende doveroso che la NATO partecipi al più vasto dibattito internazionale riguardo a tali materie che va prendendo forma.

Il manifestarsi di "nuove minacce", in generale, e l’intervento in Iraq, in particolare, hanno fatto sorgere seri interrogativi riguardo all’attuale significato ed all’utilità di concetti fondamentali, come la prevenzione, la “pre-emption”, e la dissuasione. Trovare delle risposte non sarà semplice. Non ci sarà di aiuto lamentare il superamento del sistema di Vestfalia, il sistema che, dal Trattato di Vestfalia del 1648, regola le relazioni internazionali ed è basato sulla sovranità degli stati. Una fine, del resto, già da tempo annunciata. Altrettanto dicasi per lo stretto legalismo, che non tiene conto della dinamicità e del diritto internazionale, continuo prodotto dell’azione umana. Azioni e politiche che sembrano infrangere i paradigmi stabiliti, come quello - spesso stereotipo - riguardante l’unilateralismo USA, possono provocare degli sconvolgimenti. Ma un semplice e acritico attaccamento alla continuità non costituisce un'alternativa percorribile.

L'iniziativa attualmente in corso nella NATO per migliorare la qualità del dialogo politico è di vitale importanza. Non ci si deve concentrare troppo esclusivamente sulle questioni regionali, e si deve tener conto seriamente di quelle che il Segretario generale ha recentemente definito "questioni trasversali, questioni orizzontali, come il terrorismo e la proliferazione delle armi di distruzione di massa". Infatti, i fondamentali principi d’azione per contribuire ad affrontare tali minacce dovrebbero costituire un elemento centrale del dialogo politico della NATO.
Off White Adidas Nmd Wtalc R1 Ftwr WhiteAsphaltgold OPXZiTku
Perché ciò avvenga, occorre che i capi di stato e di governo ed i ministri diano un forte impulso. Organi come il SGP e il DGP, o il Consiglio Nord Atlantico in sessione permanente, possono rientrare in questa attività, ma hanno bisogno di un impegno sostenuto ai livelli politici più alti. Chiaramente, il successo nel rendere la NATO più strategicamente efficace dipende dalla volontà politica dei singoli stati membri a condividere informazioni ed analisi, ma anche, cosa più importante, a creare e favorire un'atmosfera in cui gli alleati dialogano tutti insieme senza atteggiamenti da primedonne. A tale riguardo, la prima metà del 2005 è stata caratterizzata da alcuni segnali positivi, ma anche da alcuni preoccupanti, come nel caso del dibattito sul Trattato costituzionale europeo e sul significato che potrebbe avere per le relazioni transatlantiche. Ci si deve augurare uno spirito di dialogo costruttivo e di cooperazione. Abbiamo degli importanti interrogativi a cui rispondere che riguardano il campo d’azione e l’attuale validità dell'Alleanza nell’affrontare alcune delle sfide fondamentali alla sicurezza del nostro tempo.

Eric R. Terzuolo ha vinto la borsa NATO “Manfred Wörner” per il 2003-04 ed è autore dell’opera "NATO and Weapons of Mass Destruction" (Routledge, 2006) di prossima pubblicazione. Membro del corpo diplomatico degli Stati Uniti dal 1982 al 2003, si è laureato (PhD) presso la Stanford University e ha insegnato relazioni internazionali e storia europea in Italia, Paesi Bassi e Stati Uniti.

...inizio...
Off White Adidas Nmd Wtalc R1 Ftwr WhiteAsphaltgold OPXZiTku